1. Home
  2. Manuali
  3. Guide Utente
  4. Fatt. Elettronica 1.2.1 – Ciclo Attivo: guida al customizing e ai test
  1. Home
  2. Manuali
  3. Fatt. Elettronica 1.2.1 – Ciclo Attivo: guida al customizing e ai test

Fatt. Elettronica 1.2.1 – Ciclo Attivo: guida al customizing e ai test

Introduzione

Nel seguente articolo verranno indicate le implementazioni specifiche da eseguire nel customizing del DDM per adeguare il sistema ad emettere Fatture Elettroniche Attive utilizzando i nuovi Codici di Esenzione Imposta e i nuovi Tipi di Documento.

Verrà descritto brevemente come impostare il customizing DDM e come condurre i test a verifica.

Implementazione del Customizing DDM

Le nuove codifiche sopra citate dovranno essere inserite nello specifico ramo del customizing DDM.

Accedendo dalla transazione standard DDM /SWDDM/SPRO dal menu SAP:

Percorso Customizing
Customizing DDM – Digital Desk Management for SAP -> eXtension Modules -> Modulo di Conservazione Digitale e Fatturazione Elettronica -> Transazioni Gestionali Telematiche e Fatturazione Elettronica -> Transazioni Gestionali Telematiche: Fatturazione Elettronica -> Fatturazione Elettronica Attiva (Fatture Emesse)

dovranno essere aggiunti e specificati i nuovi Tipi di Documento:

e dovranno essere aggiunti anche i nuovi Codici di Esenzione Imposta:

Creazione dei casi di test

A fronte di un protocollo contabile appositamente creato utilizzando i nuovi Tipi di Documento ed i nuovi Codici di Esenzione, è possibile creare il relativo tracciato XML e verificare la sua correttezza in completa autonomia, seguendo i passi riportati di seguito:

  • una volta creato il documento contabile, richiamare la transazione standard SE38 dal menu SAP;
  • dalla transazione SE38 lanciare il report standard DDM /SWDDM/R_CNSV_DOWNLOAD_EDOC come indicato in figura:
  • il report una volta richiamato presenterà la seguente view:
  • la view va parametrizzata come indicato di seguito:
    1. specificare le chiavi contabili del protocollo creato (Società, Numero del documento contabile, Esercizio);
    2. indicare la cartella dove il sistema deve depositare l’XML appena creato (selezionare la cartella tramite l’apposito match-code);
    3. modificare la sigla da “PR” come impostato di default a “PA” solo nel caso in cui il protocollo si riferisca a fattura verso la Pubblica Amministrazione;

Best Pratices

per creare l’XML a fronte del protocollo (o dei protocolli) inserito e scaricarlo in locale, lasciare i flag selezionati come indicato nella figura precedente.

  • il report ora può essere lanciato, premendo sul pulsante (4): la fattura attiva verrà tradotta in XML che sarà scaricato nella cartella di download selezionata dall’utente;

Il tracciato XML può ora essere controllato, in modo da verificare se i tag relativi ai nuovi codici sono riportati correttamente.

Ultima modifica: 9 Settembre 2020

Was this article helpful?

Related Articles